Un centro vivo, con negozi e mercatini: è ancora possibile?

Il titolo si apre volutamente con una domanda: ma non è quella che si sono posti alcuni commercianti, qualche settimana fa sotto il Salone. Negozi e mercatini possono e devono convivere, ed i secondi non sono lì a “rubare” i clienti ai primi. Anzi, al contrario, i mercatini di vario genere possono essere un’utile attrattore di turisti e dunque clienti da fuori città, anche per gli esercizi commerciali stabili del centro di Padova. In questa ottica si inserisce anche la nostra proposta per i mercatini di Natale “in grande” a Padova. Bene dunque si fa ad organizzare nuovi eventi, a fianco degli storici e regolari mercati delle Piazze, del Salone e del Prato. Anche il problema dei trasporti e dei parcheggi, spesso indicato tra le ragioni del declino del commercio nel centro storico, è vero fino ad un certo punto: il tram e molti parcheggi (su tutti quello vicino agli Eremitani) garantiscono comunque un più che discreto afflusso di gente. Via Roma il sabato e la domenica pomeriggio, per fare un esempio, è sempre piena (anche troppo forse), non è quindi un problema trasportare la gente in centro – per quanto noi rimaniamo favorevoli a nuove linee del tram e a nuovi parcheggi per il centro.

Ciò che invece non ha purtroppo centrato la manifestazione sopra detta, è l’origine della crisi del commercio al dettaglio nel centro di Padova. Noi nel nostro piccolo vediamo due ragioni principali. La prima è prettamente locale e padovana, dove il piccolo commerciante soffre sia il continuo rincaro degli affitti dei negozi, probabilmente nella speranza dei proprietari che qualche grossa catena d’abbigliamento o di street food bussi alla sua porta; anzi vediamo perfino locali sfitti, pur di non abbassare le richieste di affitto. A questo, sempre come prima ragione, si aggiunge la concorrenza non tanto dei centri commerciali periferici (e ricordiamo che comunque a Padova manca un “megamall” all’americana), quanto delle catene di abbigliamento, street food ed anche piccoli supermercati, che “cannibalizzano” la clientela delle piazze con la loro ampia scelta a prezzi più bassi (anche a fronte di una qualità pure più bassa). Ci risulta che, per questi problemi, non sia mai stata fatta una politica efficace in sede municipale, né come mediazione tra commercianti e proprietari sulle condizioni d’affitto, né come contrasto alle grandi catene nella loro “conquista” del centro storico.

La seconda ragione è più triste ed insieme inevitabile. La nostra società nel suo complesso sta invecchiando, con sempre meno giovani e famiglie, e sempre più anziani e single; l’immigrazione è un tampone, ma nel nostro territorio non si compone generalmente di figure ad alto reddito e con grande propensione al consumo. Inoltre l’economia italiana stagna sin dalla crisi del 2009, mentre il potere di acquisto personale viene eroso, e l’autonomia finanziaria e non (che avrebbe benefici effetti sul PIL locale e sui redditi, e quindi anche sui consumi) appare ancora lontana. Su questi punti, purtroppo, non si possono riportare indietro le lancette dell’orologio, né c’è politica locale che tenga: bene o male che sia, sono le politiche nazionali ad influire. Ma nemmeno queste possono tutto, se la stessa società non trova la forza di rinnovarsi e riprendersi.

Riteniamo dunque che il commercio abbia bisogno di politiche adeguate, ma che queste non debbano ricorrere a ricette populiste, di destra o di sinistra che siano, quanto invece a cercare di attrarre più persone possibile sul centro di Padova ed a limitare la concorrenza sleale delle grandi catene.

 

autore: Filippo Turturici

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...